Altri guai per Arfea: i pendolari di Ovada rivogliono il pullman delle 18,45 da Alessandria

Hanno chiaro l’obiettivo i pendolari che viaggiano ogni giorno in autobus tra Ovada e Alessandria e che, oggiHanno chiaro l’obiettivo i pendolari che viaggiano ogni giorno in autobus tra Ovada e Alessandria e che, oggi pomeriggio, incontreranno i dirigenti dell’azienda di trasporto pubblico Arfea: ottenere il ripristino immediato della corsa delle 18,45 che fino al 23 dicembre li riportava a casa dal capoluogo provinciale, dopo una giornata in ufficio o all’università, soppressa «senza neppure avvisarci». Stesso discorso per quella delle 19,44 anticipata alle 19,23 («chi arriva in treno da Torino alle 19,30 resta tagliato fuori») e per le corse del sabato pomeriggio e della domenica, in entrambe le direzioni, eliminate del tutto.

Al tavolo – alle 17, in municipio a Ovada – oltre agli agguerriti portavoce dei viaggiatori, Deborah Ferrando e Marco Martini, ci saranno il sindaco della città, Paolo Lantero, una rappresentanza dei colleghi dei paesi dell’hinterland e quelli dell’Arfea, che dai primi giorni di proteste ha spiegato di aver soppresso corse già cancellate dalla Provincia da tempo ma portate avanti comunque dall’azienda a spese proprie, fino a che era stato sostenibile. «Sarà un incontro interlocutorio, un primo approccio in cui mettere sul piatto il problema delle corse tagliate per cercare una soluzione» dice Lantero, deciso a evitare qualsiasi tensione in favore di una trattativa che possa dare frutti. Ma i viaggiatori esasperati sono decisi a portare a casa dal faccia a faccia di oggi almeno qualche impegno concreto.

Dopo aver sollevato il problema a gennaio, i pendolari, che stanno anche lavorando per far nascere un comitato che dia loro più autorevolezza e voce in capitolo, hanno dato il via a una raccolta firme che, dai bus, si è estesa a macchia d’olio anche nei negozi e nelle attività di Ovada e dei piccoli centri della zona. La petizione – già 200 adesioni stimate – serve a sostenere un documento battezzato «Carta dei pendolari della linea Alessandria-Ovada», in cui sono sintetizzate, in 8 punti, le loro richieste. Le prime tre, quelle giudicate fondamentali, sono appunto «il ripristino nell’immediato delle corse in fascia serale protetta delle 18,45 e 19,44 da Alessandria a Ovada e la rivisitazione dei tagli alla luce dell’effettiva affluenza di utenti», «il ripristino di almeno una corsa tardo pomeridiana o serale tra Alessandria e Ovada al sabato» e «far coincidere gli orari dei bus con arrivi e partenze dei treni da e per la stazione di Alessandria».

A queste, che sono giudicate come priorità assolute, si sommano altre esigenze, su tutte riaprire la linea ferroviaria che unisce le due città ai treni passeggeri, tagliati nel 2012 (i merci continuano a circolare e la linea è quindi pienamente operativa). Un’idea su cui lavora da tempo anche il Comune di Ovada, con l’azienda di trasporto locale Saamo, ma finora rimasta solo sulla carta. pom

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *