Tutto ciò che è successo a Toronto, spiegato bene

La polizia canadese sta interrogando il sospettato autista di un furgone noleggiato che è piombato sui pedoni [VIDEO] nel nord di toronto, lunedì 23 aprile 2018, uccidendo 10 persone e ferendone 15Alek Minassian, 25 anni, non era in precedenza noto alle autorità, ha detto la polizia. L’incidente sembra essere intenzionale ma il motivo non è ancora chiaro. Il primo ministro canadese Justin Trudeau riferisce del suo rammarico riguardo “l’attacco tragico e insensato”.

Nel frattempo, un ufficiale è stato elogiato per non aver aperto il fuoco durante uno momento di stallo molto teso con il sospettato, che affermava di essere armato.

La trasmissione video su “CBC News” mostrava un uomo che puntava quella che sembrava essere una pistola contro gli agenti e che gridava “uccidimi”. L’ufficiale diceva all’uomo di scendere dal furgone. Quando il sospetto diceva che aveva una pistola, l’ufficiale esclamava: “Non mi interessa”. Il sospetto è stato quindi arrestato senza colpi sparati.

Come si è svolto l’incidente

La polizia ha detto che il furgone bianco ha improvvisamente superato la barriera che separa Yonge Street dall’area pedonale, tra Finch Avenue e Sheppard Avenue alle 13:30 locali (19:30 in Italia) di lunedì 23 aprile, dirigendosi verso i pedoni e investendo persone e cose, lungo un tratto di 2 km circa.

Cosa si sa del killer

La polizia ha detto che Alek Minassian era originario del sobborgo di Richmond Hill, nel nord di Toronto, e non era finora noto alle autorità.

“Le azioni sembrano decisamente intenzionali“, ha dichiarato il capo della polizia di Toronto Mark Saunders. Il ministro della sicurezza pubblica Ralph Goodale ha affermato che “non sembrano esserci connessioni di sicurezza nazionale” e l’emittente canadese CBC ha citato funzionari governativi dicendo che Minassian non era associato a nessun noto gruppo terroristico.

Minassian aveva precedentemente frequentato una scuola per studenti con bisogni speciali a nord di Toronto. Gli ex compagni di classe riferiscono di “una persona assolutamente innocua“. Un altro ex studente, Ari Bluff, ha detto che Minassian non sembrava avere molti amici.

Minassian ha continuato a frequentare il “Seneca College” nella zona di North York a Toronto, dove è avvenuto l’incidente del furgone, ha riferito la “CBC”.

I testimoni oculari

Reza Hashemi, proprietaria di un negozio su Yonge Street, ha detto alla “BBC” di aver sentito urlare dall’altra parte della strada. Ha detto che il furgone stava ripetutamente salendo sul marciapiede e correndo verso la gente.

Un testimone ha riferito a “City News” che l’autista stava “colpendo qualsiasi ostacolo”. “Le persone, gli idranti, le cassette della posta vengono investite”, ha detto l’uomo senza nome, che ha detto che stava guidando dietro al furgone durante l’incidente. Mentre il furgone continuava, l’uomo afferma che suonava il clacson per cercare di mettere in guardia i pedoni. “Ho visto almeno sei, sette persone colpite e volate in aria, come uccise, per la strada”, ha detto alla “BBC”.

La scena del crimine

Le immagini della scena mostravano corpi ricoperti da lenzuoli di colore arancione lungo il percorso del furgone [VIDEO]. I detriti e gli indumenti erano sparpagliati sui marciapiedi e sulla strada. Il furgone è stato fermato dalla polizia proveniente da diverse strade e rapidamente circondato. Il sospetto è stato arrestato 26 minuti dopo la prima chiamata di emergenza alla polizia.

Altri importanti dettagli

Ryder System Inc, società di noleggio di furgoni, ha confermato che il van in questione è proprio uno dei suoi veicoli e sta collaborando con le autorità. L’incidente è avvenuto mentre i ministri degli esteri delle principali nazioni industrializzate del G7 – Canada, Stati Uniti, Gran Bretagna, Francia, Germania, Italia e Giappone – hanno tenuto colloqui a Toronto. Il ministro degli Esteri Chrystia Freeland ha dichiarato che le riunioni del G7 continueranno martedì come previsto. “Il lavoro dei ministri ovviamente prosegue: questo è un giorno molto triste per il popolo di Toronto e il popolo del Canada”, ha detto alla “CBS”.

Il sindaco della città John Tory ha invitato i residenti a rimanere calmi. “Questo tipo di tragico incidente non è rappresentativo di come viviamo o di chi siamo o di qualsiasi cosa abbia a che fare con la vita in città giorno per giorno”, ha detto. La Casa Bianca ha rilasciato una dichiarazione in cui afferma che gli Stati Uniti “sono solidali con il popolo canadese” e offrono “qualsiasi sostegno di cui il Canada possa avere bisogno”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *