Più medici di famiglia e pediatri nelle zone montane

La Regione Piemonte sta lavorando per aumentare la presenza di medici di famiglia e pediatri nelle zone montane ed in occasione della discussione del nuovo contratto sarà introdotta un’apposita forma di premialità: l’assessore alla Sanità lo ha annunciato nel corso di un incontro avuto il 20 febbraio a Torino con i rappresentanti di Uncem Piemonte.
Allo stesso tempo, Giunta regionale ed aziende sanitarie si occuperanno di potenziare il servizio di infermiere di comunità, estendendo le positive sperimentazioni compiute fino ad oggi. Inoltre, verrà valutata la possibilità di rivedere gli ambiti territoriali di scelta all’interno dei distretti, proprio per superare le carenze di medici nelle aree montane e periferiche.
L’intera organizzazione dell’assistenza territoriale sarà poi rivista con il nuovo Piano della cronicità, che prevede la messa a sistema della rete delle Case della Salute, al cui interno, oltre ad ambulatori specialistici e servizi assistenziali, saranno presenti per alcune ore settimanali proprio i medici di famiglia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *