Centrifuga vs estrattore: quale scegliere?

La riscoperta di un’alimentazione sana è alla base della buona salute e della longevità e ad oggi siamo certi che i vegetali rappresentano la base sicura per prevenire numerose patologie e per generare salute e benessere. Infatti, pare che i succhi di frutta fatti in casa siano in grado di aumentare le difese immunitarie, aiutano a perdere peso, prevengono il cancro e depurano l’intestino. E allora, perché non preparare gustosi succhi di frutta e frullati direttamente in casa per godere dei benefici delle verdure? Proprio così, ma è meglio utilizzare una centrifuga o un estrattore? Scopriamo le differenze della centrifuga vs estrattore per capire perché quest’ultimo è la migliore scelta.

Differenze centrifuga vs estrattore

La prima cosa da osservare tra i due apparecchi è il funzionamento:

La centrifuga è composta da una lama sottile circolare che gira a velocità elevatissime, tritura la frutta e la verdura e poi spinge la poltiglia verso un setaccio con piccoli fori da cui filtra il succo trattenendo gli scarti.

L’estrattore possiede invece una coclea orizzontale o verticale al posto della lama, ovvero una vite senza fine che mastica il cibo invece di spezzarlo e lo spreme, ricavandone il succo.

Vantaggi nutrizionali dell’estrattore

Non c’è alcun dubbio che il succo ottenuto da entrambi gli apparecchi sia comunque una bevanda sana e utile per dare energia al nostro organismo, ma vi sono delle differenze nutrizionali sostanziali tra il prodotto finito di una centrifuga e quello di un estrattore. Proprio la velocità della centrifuga, che effettua tra i 6.000 e i 18.000 giri al minuto, e il calore che genera, distrugge parte degli enzimi vivi e delle sostanze nutrienti contenuti nella frutta e nella verdura. Al contrario, l’estrattore, che ha meno di 100 giri (in alcuni casi arriva addirittura a soli 17 giri al minuto), preserva gli enzimi benefici e le altre molecole termosensibili e mantiene le proprietà nutritive inalterate. Il bassissimo numero di giri non fa surriscaldare l’apparecchio che per questo viene chiamato estrattore a freddo. Inoltre, minimizza anche gli sprechi: gli scarti ottenuti sono davvero molto pochi e secchi, al contrario di quelli della centrifuga che sono umidi e copiosi. Infine, un estrattore è molto più silenzioso della centrifuga.

Ancora non sei convinto? Leggi l’articolo di Manuel Casadei su Centrifuga vs Estrattore, quale scegliere in base alle loro principali differenze?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.