GLI ALBERI: UN INVESTIMENTO IN SALUTE CONTRO LO SMOG

di Renzo PENNA

 Finalmente con l’inizio di novembre sono arrivare le piogge ad attenuare le conseguenze di una delle primavere-estati più calde e povere di precipitazioni degli ultimi decenni. Una stagione che è durata sino alla fine di ottobre con temperature innaturali; una situazione che ha prosciugato laghi e corsi d’acqua e costretto numerosi comuni, anche nella nostra provincia, ad approvvigionarsi con le autobotti. La siccità, accompagnata da comportamenti irresponsabili, ha favorito gli incendi dei boschi, come è toccato alle migliaia di alberi della Val di Susa e delle altre valli alpine del Piemonte. E se un albero che cresce rende l’aria più pulita, un albero che cade o brucia emette anidride carbonica e si unisce alle auto, alle caldaie e alle fabbriche, rendendo irrespirabile il cielo delle città e trasformando l’intera pianura Padana in una camera a gas.  Una situazione che dovrebbe far considerare il patrimonio boschivo, così come i polmoni verdi delle città, un bene da curare e a cui prestare grande attenzione. Come avviene negli altri paesi e nelle grandi capitali europee. Questo da noi capita di rado e troppo sovente gli alberi sono considerati un semplice elemento estetico che si sacrifica ai primi problemi di bilancio.Una sottovalutazione grave ed un errore in quanto gli studi di ecologia urbana dimostrano che una rete di elementi naturali è in grado di migliorare stabilmente la vita in città e di diminuire l’inquinamento che danneggia la salute ed influisce negativamente sull’economia. Tra questi elementi l’albero è di sicuro il più importante essendo anche un fattore fondamentale per il miglioramento del clima urbano. Rappresenta un polmone verde che, specie nelle zone densamente abitate, attraverso la fotosintesi, assorbe biossido di carbonio, abbatte le emissioni climalteranti e purifica l’aria che respiriamo; costituisce altresì un ottimo schermo antirumore capace di ridurre della metà l’impatto del traffico. Gli alberi sono, insomma, un indispensabile investimento in salute

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *