Giochi per bimbi “di­menticati” nei depos­iti Amag: il M5S Ale­ssandria vuole veder­ci chiaro

 

 

 

 

 

 

 

 

Cosa può rendere una città più viva delle grida, delle risate e dei
giochi dei bambini all’aria aper­ta? Alessandria nel corso degli anni ha
perso un po’ di ques­ta allegria, come te­stimoniano le numero­se
segnalazioni che sono pervenute al Mo­vimento 5 Stelle di Alessandria da
parte di cittadini e geni­tori, i quali lament­ano la mancanza nel
territorio di parchi giochi e la carenza di attrezzature nel­le aree
esistenti.

“La situazione si fa ancora più triste se guardiamo ai nostri sobborghi
dove mol­to spesso non trovia­mo nemmeno un’area in cui i bambini
poss­ano radunarsi per gi­ocare in sicurezza – commenta Francesco
Gentiluomo, portavoce del M5S presso il Comune di Alessandria – Per
questo, ho deciso di verificare di persona, dopo ave­re saputo che
moltis­sime attrezzature gi­oco acquistate dal comune e mai utilizza­te
sono attualmente ricoverate in un cap­annone. Ieri ho fatto visita alla
sede Amag in via Damiano Chiesa, dove grazie alla gentile
collabor­azione del personale addetto, ho potuto vedere coi miei occhi
una grande quantità di attrezzature nu­ove che sono abbando­nate
tristemente lì da tempo immemore”.

Si tratta di altalen­e, scivoli, saliscen­di, panchine e strut­ture per
la recinzio­ne, che giacciono st­ipate in un capannone invece di
contribu­ire ad allietare le giornate dei nostri piccoli concittadini,
magari proprio neg­li asili e nelle mat­erne comunali dove spesso le
strutture di questo tipo sono carenti.

“Come portavoce – ag­giunge Gentiluomo – ritengo doveroso far luce su
questa comm­essa d’acquisto di attrezzature per parco giochi, risalente
all’amministrazione 2007-2012.

In cerca di risposte che giustifichino come mai queste forni­ture non
siano state installate dove nec­essario, ho inviato una mail alla
persona che da Amag ha ric­evuto l’incarico di custodirle per avere
ragguagli. Non appe­na riceverò risposta, aggiornerò sulla situazione”.

Il diritto al gioco di tutti i bambini è talmente importante da essere
stato san­cito nell’articolo 31 della Carta Intern­azionale dei diritti
del Bambino approva­ta dall’ONU il 20 no­vembre del 1989.

“Ogni amministrazione comunale che abbia a cuore il benessere dei
cittadini non può esimersi dal tut­elare questo diritto e restituire
alla città intera le grida di gioia dei suoi piccoli abitanti”,
co­nclude il portavoce del Movimento 5 Stel­le.


Redazione
Movimento 5 Stelle
Alessandria

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.