LA CIRCOLARE GABRIELLI, NUOVE MISURE DI SICUREZZA PER CONCERTI ED EVENTI DI PIAZZA

La circolare Gabrielli fissa i compiti che spettano alle forze di polizia e quelli che competono ad altre amministrazioni e agli organizzatori. Si parte dalla “valutazione del massimo affollamento sostenibile”, per sapere esattamente quante persone potranno accedere all’evento ed evitare “sovraffollamenti che possano compromettere le condizioni di sicurezza” e si arriva alla possibilità di vietare la vendita di bottiglie di vetro e lattine. Sarà poi compito degli organizzatori “regolare e monitorare gli accessi” fino a quando l’area sarà piena: a quel punto, assieme alle forze di polizia, l’accesso verrà interdetto a chiunque. Per regolare gli ingressi la circolare invita ad utilizzare, laddove possibile, dei “sistemi di rivelazione numerica progressiva ai varchi”, vale a dire dei contapersone. Vanno inoltre previsti piani di emergenza ed evacuazione, percorsi separati d’accesso e di deflusso, la suddivisione di settori di piazze e stadi, predisponendo corridoi che consentano l’intervento in caso di emergenza o di soccorso, punti di prima assistenza sanitaria, la presenza di altoparlanti o maxischermi dai quali diffondere messaggi da parte delle autorità o degli stessi organizzatori. A questi ultimi si chiede inoltre di prevedere la presenza di “operatori adeguatamente formati”: l’equivalente degli steward già presenti negli stadi, ai quali spetterà il compito di “accoglienza, regolamentazione dei flussi, instradamento, osservazione ed assistenza del pubblico”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.