FINALMENTE LA SEGNALETICA IN STRADA ACQUI Dopo una politica distratta durata anni

 

 

 

 

 

 

 

 

Sono più di quattro anni che segnalo i pericoli nella strada per Acqui, una delle vie di accesso ad Alessandria più trafficate. L’espansione della città la vede anche sempre più popolata, generando situazioni di forte pericolo per automobilisti e soprattutto pedoni e utenti dei mezzi pubblici che si trovano alle fermate esposti al traffico senza nessuna attenzione per la sicurezza.

Uno dei classici casi italiani dove di solito viene affrontato il problema solo il giorno nel quale accadesse qualcosa di clamoroso e grave. Invece, grazie alla collaborazione tra la Giunta di centrodestra insediata proprio per rimediare agli errori e il disinteresse di quella precedente e i tecnici del Comune, si comincia a rimediare.

Infatti è stata realizzata per tempo, prima delle nebbie autunnali, la segnaletica orizzontale che era praticamente scomparsa.

Ora speriamo di procedere ai problemi della circolazione pedonale, con la realizzazione dei marciapiedi completamente inesistenti e delle spazi adeguati con pensiline per le fermate degli autobus. Per questo ho presentato e fatto votare dalla Giunta una mozione.

Speriamo che la sinergia tra politica e personale dell’ufficio tecnico comunale che ringrazio per la collaborazione, porti entro la prossima primavera ad una messa in sicurezza definitiva della Strada per Acqui.

Dopo più di quattro anni che ho alzato l’ attenzione sui problemi presenti su questo tratto di strada e una mozione votata in consiglio comunale  che prevedeva la costruzione di almeno un marciapiede sul tratto di strada che va dalla scuola di Polizia al semaforo di Cabanette.

Un piccolo passo è stato fatto si è  rivista su questo tratto la segnaletica orizzontale che era scomparsa da anni. Ringrazio i tecnici degli uffici che prendendo visione della pericolosità del tratto di strada hanno provveduto prima delle nebbie che colpiscono la zona nel periodo invernale.

Maurizio Sciaudone

Capogruppo FI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *