Beghin : L’ECATOMBE DI BOTTEGHE E NEGOZI DI VICINATO

 

 

 

 

 

 

 

 

Negli ultimi 8 anni l’Italia ha perso 158 mila imprese attive tra botteghe e piccoli negozi di vicinato, per un giro d’affari che coinvolgeva quasi 400 mila addetti.

Sono questi, secondo una stima della Confartigianato di Mestre, i numeri di una crisi che sembra non avere mai fine.

Ma sarebbe sbagliato considerare la problematica soltanto dal punto di vista economico: la chiusura di simile esercizi ha infatti una valenza molto più ampia.

In primis “culturale”: l’artigianato è da sempre uno dei fiori all’occhiello del Made in Italy, ma è ormai fagocitato dalla concorrenza industriale, e non ha ancora trovato la chiave di volta per rapportarsi in modo proficuo alla rivoluzione digitale in atto.

E si crea un guaio anche a livello urbanistico: la chiusura dei negozi per le vie cittadine porta alla nascita di strade a scorrimento veloce spopolate e dequalificate in cui manca il presidio del territorio.

Ecco perché il Paese che abbiamo in mente deve ripartire dalle PMI e dalle botteghe, se non vuole chiudere i battenti per sempre…

Tiziana Beghin (5 Stelle)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *