Bollo auto: recapitati 450.000 avvisi e ingiunzioni

In queste ultime settimane, nel quadro alla lotta all’evasione del bollo auto, sono state recapitate ai piemontesi circa 450.000 tra ingiunzioni per il mancato pagamento dal 2010 al 2013, gestite da Soris, e avvisi di accertamento per il mancato pagamento del 2015, gestiti direttamente dagli uffici della Regione.

I destinatari delle ingiunzioni erano già stati raggiunti in passato dagli avvisi di accertamento per lo stesso motivo. Entro il mese di dicembre saranno circa 700 mila le raccomandate recapitate nelle case dei piemontesi.

Chi ha ricevuto ingiunzioni o avvisi che ritiene non siano giustificati può utilizzare www.regione.piemonte.it/tributi/ oppure può rivolgersi alle sedi dell’Aci presenti sul territorio.

Forte è stato anche l’afflusso di chiamate al call center 800.333.444 della Regione Piemonte, dove spesso si chiedono notizie sulla prescrizione del bollo o su altre questioni tecniche.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.