36 anni fa ci lasciava RINO GAETANO

Il 2 giugno del 1981 moriva in un incidente stradale Rino Gaetano. Aveva 31 anni, l’incidente a Roma sulla via Nomentana, molto simile nelle dinamiche a quello che aveva portato via Fred Buscaglione, evoca tuttora paralleli tra le vite dei due artisti. Il cantautore crotonese, romano d’adozione, come l’interprete di “Eri piccola così”, era stato un vero e proprio uragano nella musica pop italiana. La traccia della sua opera, 36 anni dopo, resta ancora indelebile. Rino Gaetano non ha lasciato eredi, ma vanta tuttora numerosi tentativi di imitazione. Tra quelli che più lo ricordano nella ricerca di testi non banali e di soluzioni  innovative e allo stesso tempo popolari, probabilmente il più simile è Francesco Gabbani. Analoga leggerezza, simile disincanto. Ma il parallelo si ferma qui: perché Rino Gaetano è stato unico nella storia della musica pop. Ecco 7 brani che lo hanno rappresentato al meglio.

  1. Con Gianna Rino Gaetano irrompe a Sanremo con una canzone definita “non sense”. Smonta i luoghi comuni e conquista il pubblico. Al Festival dei Fiori, dove cuore fa sempre rima con amore, il cantautore calabrese (supportato dal gruppo dei Pandemonium) prende in giro giuria e platea. Risultato: terzo posto. Ma rimane nell’immaginario popolare il vincitore assoluto.

 

Video correlati

2. Petrolieri arabi, consumismo e crisi della benzina. È il 1977. In tre minuti con Spendi spandi effendi Rino Gaetano racconta la situazione degli anni ’70 e della crisi petrolifera meglio di un saggio di economia. Con ironia graffiante e amara.

3.  In Aida, la storia d’Italia raccontata attraverso gli amori e gli umori di una donna che si chiama Aida. Quasi un caustico Bignami della storia d’Italia, declamato al ritmo di una marcia, in un dissacrante inno nazionale.

 

 

4. Ma il cielo è sempre più blu, una delle canzoni più note di Rino Gaetano. Saccheggiata da partiti politici, spot pubblicitari, cantanti di talent show, è soprattutto un capolavoro nella sua originalità. Scritta smontando tutte le regole di scrittura di un testo. Uno sterminato e amaro elenco di peccati e peccatori, vittime e carnefici dell’Italietta degli anni ’70. Ancora più attuale, anche a distanza di 40 anni.

 

5. A mano a mano Il brano è un classico del repertorio di Riccardo Cocciante. Quando Rino Gaetano la esegue con i New Perigeo, nella tournee che vedeva i due cantautori impegnati insieme, nessuno si aspetta che la canzone diventi altro, una cosa completamente diversa. Non è più una cover, ma un brano che si plasma sulla pelle di Rino. Lui, che ha sempre faticato a cantare l’amore, con il brano di Cocciante si sente in libera uscita e si permette una interpretazione struggente e irripetibile.

6. Mio fratello è figlio unico rompe gli schemi della musica popolare e descrive un italiano che non si rassegna all’omologazione. Una canzone d’autore dirompente, capace di strappare sorrisi anche nei passaggi più crudi. Una canzone di denuncia, senza perdere la leggerezza.

7. Nun te reggae più fece infuriare i potenti e tutte le caste d’Italia. Uno dei maggiori successi di vendite di Rino Gaetano. Il coraggio (o la follia) del cantautore calabrese, quello di fare nomi e cognomi dei potenti, nomi di partiti, industriali, calciatori, vip, giornalisti, sportivi. Antesignano del Vaffaday di Beppe Grillo.  Anche in questo caso,  basterebbero poche modifiche e qualche aggiornamento nei suoi protagonisti, il brano rimane più attuale che mai.

 

 

 

Ti potrebbero interessare anche
Estate 1977, con Rino Gaetano nella musica pop risuona l’eja eja alalà - Secolo ...
Ventidue anni fa la morte di Mia Martini: le sue 10 canzoni più belle (video) - ...
Ecco la giornalista sportiva più sexy: lo dice Playboy
10 anni in meno in 30 minuti! Scoperta la fonte della giovinezza
La grandezza di Lucio Dalla sovrasta l'imbecillità dei fischi - Secolo d'Italia
Le vacanze dei calciatori: sole, mare e... wags!

Il passaggio delle Frecce Tricolori sui Fori Imperiali (video)

Il passaggio delle Frecce Tricolori sui Fori Imperiali (video)

Con l’Inno d’Italia eseguito dal tenore Andrea Bocelli assieme al coro di voci biance dell’Accademia nazionale di Santa Cecilia e il successivo passaggio delle Frecce Tricolori si è chiusa la sfilata militare ai Fori Imperiali in occasione della Festa  della Repubblica. Dopo la resa degli onori, il Capo dello Stato Sergio Mattarella, affiancato dal ministro della Difesa Roberta Pinotti, è  salito a bordo della storica Flaminia decappottabile per il rientro al
Quirinale.


Bomba Isis in Arabia Saudita, che paga per l’impegno in Siria e in Iraq

Bomba Isis in Arabia Saudita, che paga per l’impegno in Siria e in Iraq

Almeno due persone sono rimaste uccise a Qatif, nella regione a maggioranza sciita nell’est dell’Arabia Saudita, nell’esplosione che ha distrutto un’auto lungo una delle vie della città. Lo riferisce la tv satellitare al-Arabiya, dopo le prime notizie che parlavano di un attacco con autobomba. Le autorità stanno accertando la natura dell’esplosione. Secondo le ultime notizie riportate dalla tv le vittime sarebbero due persone della zona di al-Awamiya “ricercate” dalle autorità. Lunedì nel villaggio di al-Awamiyah, nella zona di Qatif, l’esplosione di un ordigno ha colpito un mezzo delle forze di sicurezza. Secondo il giornale al-Watan, i “terroristi” a bordo dell’auto stavano trasferendo esplosivi verso il villaggio di al-Awamiya e tre persone sarebbero riuscite a sfuggire all’esplosione. Al-Watan, come al-Arabiya, riferisce della morte a causa dell’esplosione di due “latitanti”. La zona di Qatif, dove nel 2011 esplosero inedite proteste della minoranza sciita contro la monarchia, è stata spesso teatro di attacchi rivendicati dall’Isis. L’Arabia Saudita fa parte della coalizione a guida Usa impegna nella guerra all’Isis in Siria e Iraq.

Teheran condanna gli attentati terroristi

Il ministero degli Esteri iraniano ha condannato i due attentati compiuti nelle ultime ore a Baghdad, la capitale dell’Iraq, nei quali hanno perso la vita almeno 22 persone. In una nota riportata dall’agenzia Tasnim, il portavoce del ministero degli Esteri, Bahram Qassemi, ha definito “una tragedia dolorosa” la morte di decine di persone e ha espresso le condoglianze al governo e al popolo iracheni. Secondo Qassemi, gli attacchi “criminali” nel mese sacro di Ramadan sono la prova dell’ostilità dei “gruppi takfiristi” nei confronti del “vero Islam” e dei “veri musulmani”. Il portavoce ha infine sottolineato che gli attacchi sono l’ultimo tentativo da parte dei “terroristi” dell’Isis di evitare la sconfitta in Iraq. Il riferimento è all’offensiva lanciata a Mosul dalle forze governative che hanno ormai riconquistato l’intera città ad eccezione di alcune zone nella parte occidentale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *